Francesco Saiu

Discipline AFAM

Chitarra pop-rock

Francesco Saiu, dopo aver compiuto i primi studi sulla chitarra classica, si dedica allo studio della chitarra elettrica affrontando svariati generi dal blues al rock, per poi approdare allo studio dell’improvvisazione e del jazz. Dal 2007 al 2009 frequenta i laboratori permanenti di ricerca musicale diretti da Stefano Battaglia a Siena Jazz, dedicandosi principalmente all’ambito dell’improvvisazione e delle composizione.

Più tardi intraprende gli studi sulla musica jazz e consegue il Diploma Accademico di I e II livello (con voto 110/110 e lode) in musica e chitarra jazz presso il Conservatorio Luca Marenzio di Brescia. E’ stato finalista come miglior nuovo talento jazz all’Eddie Lang jazz Festival (2000) e al Concorso per nuovi talenti al Piacenza jazz Festival (2003).

Ha vinto il terzo premio al Moncalieri jazz Festival (Premio incroci sonori jazz) con il suo Trio (2002). Ha vinto la borsa di studio come miglior allievo ai seminari di Nuoro Jazz nel 2000, e una borsa di studio conferita dal Saint Louis College of Music nel 2001. Ha frequentato numerose Master Class con alcuni tra i musicisti più interessanti dell’area jazzistica nazionale e internazionale tra i quali Jim Hall, Mike Stern, Pat Metheny, John Stowell, Bebo Ferra, Pietro Tonolo, Stefano Battaglia, Tony Scott, Butch Morris, Joe Lovano, Gianluigi Trovesi, Markus Stockhausen, Miroslav Vitous, Franco D’Andrea, Garrison Fewell, John Taylor, Marc Ducret, Loìc Mallié, Paolino Dalla Porta, Celso Machado, Egberto Gismonti, Nelson Veras, Eve Wolf, Marc Ribot. Si è esibito in concerto in qualità di solista e strumentista in piccoli ensemble e orchestre, come leader e sideman condividendo il palco con musicisti del calibro di Stefano Battaglia, Oscar Del Barba, Paolo Damiani, Aya Shimura, Achille Succi, Markus Stohckausen, Butch Morris, Pietro Ballestrero, Bebo Ferra, Marc Ducret, Franco D’andrea, Gianluigi Trovesi, Giulio Corini, Simone Guiducci, Tony Scott, Dominique Mollet, Joel Laforet, Francesco Ganassin, Daniele Richiedei, Massimiliano Milesi, Giacomo Papetti, Luigi Lai, Peo Alfonsi, Guido Bombardieri, Tino Tracanna.

E’ stato ospite nei festival di Nuoro jazz, European Jazz Expò, Moncalieri jazz, Sarteano Blues, Piacenza jazz, Time in Jazz, La Rocca in Jazz, Jazz On the Road, Roccella Jonica Jazz, Eddie Lang Jazz, Young Jazz in Town, Alta Valle Jazz, Festival Librando, Festival Musica e Immagini, Un’isola in Festival, Microeditoria Festival, Di-Segni Festival, Roma Jazz Festival, Premio Nazionale Dessi, Festival della Storia Iglesias, Festival letterario di Mantova, Festival Di Gavoi, Jazz in Miniera, Festival di Musica nelle Grotte, Concerti per due Continenti, Jazz nei Conservatori Festival, Stagione Estiva città di Mantova, Jazz a Clermont Ferrand, Celebrazioni Deleddiane, Premio Campiello con la scrittrice Michela Murgia, Festival Mari e Miniere, Dedalo Festival, Val Camonica Festival Musicale, Rassegna Concertiamo, Rassegna concertistica presso il Conservatorio di Brescia, Festival delle arti a Frosinone, Festival Nazionale Conservatori Italiani, Jazz Solidale per Amatrice. L’interesse per le più diverse forme d’arte gli hanno permesso di esibirsi nei contesti più insoliti, collaborando in performance musicali e improvvisative con scrittori, poeti, pittori e con artisti vicini alla danza e al teatro.

E’ stato per più anni ospite al Premio Letterario Nazionale G. Dessì (CA), e ha partecipato come musicista al Festival della Storia (CA), alle Celebrazioni del Premio Nobel Grazia Deledda, al Festival della transumanza a Capo di Ponte, al Festival Librando, al Ciclo di Concerti per due Continenti che lo hanno portato in Belgio, Olanda, Francia e Svizzera. E’ stato ospite come concertista nelle stagioni dei Conservatori di Milano, Parma, Brescia e Mantova.

Si è esibito in numerosissimi festival di musica jazz in tutta Italia, e come improvvisatore in numerosi festival d’arte contemporanea, e di arti visive. Con la Famiglia d’Arte Medas ha tenuto numerosi concerti in tutta Italia. Ha inciso cinque dischi a suo nome che sono stati recensiti dalle più importanti riviste specializzate in musica e chitarra jazz tra cui Suono, Jazz-it, Musica Jazz, Jazzitalia, Fedeltà del suono, Audiophil Sound, Chitarre, All About Jazz, Mondojazz, Axe, Seicorde. Ha collaborato alla stesura del trattato di Armonia e Analisi musicale - I COLORI DELLA MUSICA. Dal 2020 è docente di chitarra jazz a indirizzo popular presso il Conservatorio G. Donizetti di Bergamo.